Travi Uso Fiume e Uso Trieste, al via il Comitato Tecnico

15.09.2011
a cura di Andrea Brega
Il 14 settembre sarà ricordato come uno dei momenti più significativi per il legno massello grazie a un grande lavoro di rete di impresa. Ieri, infatti, si è riunito a Bolzano per la prima volta il Comitato Tecnico Travi Uso Fiume ed Uso Trieste di Conlegno, che ha definito la struttura che avrà il compito di coordinare le attività di marcatura CE per le travi UF ed UT.

Alla presenza dei rappresentanti delle dieci aziende che hanno favorito il riconoscimento della EOTA (e al cui ottenimento ha contribuito Assoimprenditori Bolzano con la collaborazione di Assolegno e Conlegno) è stato eletto il consiglio direttivo: Michele Magagna (Magagna Legno), coordinatore; Claudio Segna (Segna Legnami), Gianmarco Gualdi (Gualdi Legnami), Franz Willeit (Rema), Moreno Vender (Vender Legnami), consiglieri; Paolo Bertoni (TIS Innovation Park), segretario; Marco Luchetti (Assolegno), segreteria tecnica.

Dopo la conferma di Bolzano come sede operativa, Magagna ha presentato il marchio (che a breve sarà registrato a livello europeo), le iniziative che verranno proposte alla prossima MADE expo per promuovere l'attività del Comitato (campioni di travi Uso Fiume ed Uso Trieste, video sulla produzione…) e il programma dei corsi di aggiornamento tecnico per gli operatori delle imprese che dalla metà di novembre saranno organizzati a Bressanone, Mezzocorona e Verona.
A Thomas Schrentewein (LignaConsult) è toccato il compito di presentare il programma per il calcolo statico della travi, che consentirà alle aziende di progettare e lavorare velocemente per la realizzazione di manufatti in Uso Fiume ed Uso Trieste in legno massello. Uno strumento sicuramente efficace che sarà promosso anche tramite il sito internet di prossima realizzazione, a cui spetterà anche il compito di fare conoscere a progettisti, architetti e consumatori finali le travi UF ed UT, prodotti che da secoli fanno parte della tradizione costruttiva italiana e che da oggi, grazie alla certificazione CE, possono tornare a crescere.
Estremamente positivi i commenti all'iniziativa che, va ricordato, per la prima volta, consente a un ente italiano di certificare prodotti in legno strutturale.

“Sono certo che la scelta è stata giusta perché stiamo parlando di un prodotto tipicamente italiano. Il mercato chiede un prodotto a norma, quindi finalmente possiamo lavorare con maggiore tranquillità, in quanto gli operatori edili hanno la necessità di lavorare con prodotti facilmente calcolabili”, ha sottolineato Franco Mori (Mori Legnami). “E' un progetto molto serio che darà nuovamente valore a un prodotto che negli ultimi anni ha perso terreno nei confronti di prodotti ingegnerizzati”, ha aggiunto Fausto De Marco (Damiani-Holz&KO). “Sono convinto che grazie a questa iniziativa le nostre aziende avranno nuove opportunità di crescita. Disporre di uno strumento di calcolo ci consentirà di recuperare terreno nei confronti dei nostri concorrenti. Sicuramente dobbiamo lavorare ancora molto, soprattutto in Italia dove in alcune regione l'Uso Fiume non è ancora conosciuto e utilizzato, ma sono fiducioso”, il commento di Franz Willeit (Rema), mentre secondo Moreno Vender (Vender Legnami): “Bisognerà continuare a lavorare in un'unica direzione per promuovere il nostro prodotto e farlo utilizzare maggiormente dai costruttori”.

“Dobbiamo investire e promuovere il massello perché, soprattutto nella ristrutturazione, possiamo giocare un ruolo di primo piano”, secondo Claudio Segna (Segna Legnami), così come per Massimo Corradi (Corradi Legnami) bisognerà spingere con sempre maggiore convinzione nella formazione ai progettisti in quanto “le travi UF ed UT sono prodotti “Vecchi che necessitano di essere “riscoperti” nelle sedi di insegnamento. Non sarà facile, ma sono certo che ci riusciremo”.
Ottimista anche Andrea Nardon (Mihelcic Legnami): “Abbiamo grandi aspettative. Sempre più spesso i clienti ci chiedono la certificazione CE ma, a volte, i progettisti puntano su prodotti alternativi al massello perché più facili da calcolare. Oggi, finalmente, possiamo proporci anche noi con un materiale certificato e veloce da verificare statisticamente”. “Consorziare dieci aziende, unite dall'obiettivo di promuovere un prodotto italiano di grande qualità, è stato un grande successo. Adesso dobbiamo lavorare per fare conoscere i nostri prodotti, ma sono certo che avremo grandi soddisfazioni”, ha aggiunto Elio Ruatti (Ruatti Legnami). Per Gianmarco Gualdi, infine: “L'obiettivo principale è quello di rilanciare un prodotto che non è mai stato promosso più di tanto. Negli ultimi anni abbiamo fatto poco per farlo crescere ma, oggi, grazie alla possibilità di marcare CE le nostre travi possiamo ripartire con maggiore slancio per poter recuperare terreno nei confronti dei prodotti alternativi al massello”.


Foto 1. I partecipanti all'incontro di Bolzano. In primo piano il logo del Comitato Tecnico Travi Uso Fiume e Uso Trieste di ConLegno.

Foto 2 e 3. Momenti dell'incontro del Comitato Tecnico Travi Uso Fiume e Uso Trieste di ConLegno.


Travi Uso Fiume e Uso Trieste, al via il Comitato Tecnico
 
 
Travi Uso Fiume e Uso Trieste, al via il Comitato Tecnico
 
 Vai alla lista 





© 2018 Rete Uso Fiume ed Uso Trieste  |  Cod. fisc. 94117340219  |  Sitemap  |  Credits produced by Zeppelin Group – Internet Marketing